lunedì , 5 Dicembre 2022
foto di Gianni Alfonsi fotografo

4 NOVEMBRE, GROTTAFERRATA RICORDA I CADUTI DI TUTTE LE GUERRE:”SIAMO CON LE FORZE ARMATE OGGI IN PRIMA LINEA CONTRO LA PANDEMIA

La Città di Grottaferrata ha celebrato nella mattinata di oggi in piazza Cavour la Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate.

Alla cerimonia hanno preso parte rappresentanti dell’Amministrazione e del Consiglio comunale, il comandante della stazione dei Carabinieri di Grottaferrata, Massimiliano Roccoli, rappresentanti della Polizia di Stato del Commissariato di Frascati e della Polizia Locale di Grottaferrata che come di consueto hanno deposto la corona d’alloro al monumento ai caduti rendendo omaggio alle vittime di tutte le guerre.

Il consigliere comunale Federico Pompili, delegato dal sindaco Luciano Andreotti ha pronunciato il discorso ufficiale: “Oggi è 4 Novembre e giustamente celebriamo l’unità di un Paese, l’Italia, che non solo si è compiuta attraverso conflitti sanguinosi che ha visto rimanere a terra, proprio nella Grande Guerra, oltre 650mila giovani soldati italiani e quasi 590mila civili in una guerra fatta di dolore nelle trincee, combattuta con i gas, con generali che mandavano a morire tanti ragazzi con assalti alla baionetta contro mitragliatrici.

Sono stati 41 mesi al termine dei quali – come si legge sul definitivo bollettino di guerra emesso il 4 novembre 1918 dal generale Diaz dopo la battaglia vinta a Vittorio Veneto  – uno dei più potenti eserciti del mondo è stato costretto a risalire in disordine e senza speranza le valli che avevano discese con orgogliosa sicurezza. Grazie al valore di quelle nostre truppe e alla prima coraggiosa resistenza delle popolazioni civili, l’Italia per la prima volta davvero si è potuta definire nazione intera e realmente unita: dal Piemonte alle Puglie  e da Trento e Trieste liberate fino alla Sicilia”.

Nella commemorazione, come tradizione, un saluto alla cittadina di Pozzuolo del Friuli alla quale Grottaferrata è legata da un Patto di Amicizia nato proprio in seguito all’ospitalità offerta nella cittadina dei Castelli Romani, durante la Grande Guerra, agli studenti friulani della scuola d’agraria.

“Il 4 Novembre di questo 2020, inoltre – proseguiva il discorso –  lo celebriamo con la preoccupazione e il doveroso impegno che tutti, come nazione, dobbiamo volgere a una battaglia non ancora vinta: quella contro la pandemia da Covid-19 che quasi 40mila connazionali in otto mesi ha visto morire, nella straziante tristezza di un isolamento e spesso senza la possibilità neppure del commiato pubblico dei riti riti delle esequie. Oggi più che mai dobbiamo ricordare anche le vittime di questa battaglia, restando vicini a tutti gli italiani e anche alle famiglie di nostri concittadini che stanno combattendo questa malattia che tanto dolore, anche sul fronte sociale, culturale e economico del Paese, sta generando”.

Tra coloro i quali sono in prima fila nella lotta alla pandemia da Covid-19 anche le Forze Armate alle quali la Città di Grottaferrata ha ribadito sostegno e vicinanza.

“Questo più di ogni altro slancio retorico deve essere oggi il monito e l’obiettivo per rendere attuale e davvero vivo l’anniversario del 4 Novembre” concludeva il discorso.

“Viva Grottaferrata, viva l’Italia e le nostre Forze armate, viva quel traguardo comune a tutti che veda un ritorno alla pienezza della libertà e della serenità in un pianeta fuori dalla pandemia affinché una nuova prosperità, nella pace e nella concordia, possa germogliare tra i popoli”.

Circa redazione

Il Giornale dei Castelli Romani e Monti Prenestini. Notizie, inchieste, approfondimenti, aggiornamenti in tempo reale, interviste e dirette.

Vedi anche

IL DISTRETTO DI ECONOMIA CIVILE TORNA A PREMIARE LE IDEE PIÙ INNOVATIVE DEL TERRITORIO

Pubblicato un nuovo bando rivolto ai Comuni del Distretto Il Distretto di Economia Civile della …

Ciampino dice NO alla violenza sulle donne venerdì 25 novembre una giornata dedicata alla violenza di genere

In occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne, il Comune di Ciampino …

“Pensavo fosse amore”, Mostra Collettiva d’Arte negli ospedali della Asl Roma 6 per dire NO alla violenza di genere

  Se potessi dirlo a parole non ci sarebbe motivo di dipingere Edward Hopper   …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.