giovedì , 18 Agosto 2022

Elbrus-16C, la CPU russa con 16 core e 12 miliardi di transistor

Il mondo dell’hardware è storicamente a trazione statunitense, ma negli ultimi anni abbiamo visto come la Cina stia cercando di smarcarsi dall’egemonia a stelle e strisce per controllare il proprio comparto tecnologico, ormai sempre più espressione di potenza e soprattutto di vitale importanza per evitare che le informazioni (spesso sensibili) finiscano in mani nemiche.

Anche nella Russia guidata dal padre-padrone Vladimir Putin c’è questo desiderio di puntare maggiormente su prodotti “realizzati in casa”, quindi non fatichiamo a credere che il presidente della Federazione Russa vedrà di buon occhio Elbrus-16C, un microprocessore messo a punto dalla realtà locale MCST. L’azienda ha mostrato nelle scorse ore il primo engineering sample della nuova CPU, basata sulla sesta generazione dell’architettura proprietaria VLIW e prodotta con processo a 16 nanometri.

Si tratta di un chip composto da 12 miliardi di transistor, pensato sia per desktop e server, con supporto alla virtualizzazione in hardware ed equipaggiato – come fa intendere il nome – con 16 core. Il chip opera a 2 GHz, integra un controller DDR4-3200 a otto canali e offre 32 linee PCIe 3.0, quattro porte SATA, nonché interfacce di rete 2,5 GbE e 10 GbE. La CPU può indirizzare fino a 4 TB di memoria DDR4 e ha un TDP di 110W.

In termini prestazionali si parla di 1,5 TFLOPs con calcoli FP32 e 0,75 TFLOPs con calcoli a doppia precisione FP64, ma l’aspetto forse più interessante di MCST Elbrus-16C è che supporta configurazioni fino a quattro CPU e 16 TB di memoria DRAM, quantitativo che potrebbe risultare utile nel comparto server ma anche a qualche agenzia governativa russa che necessita di molta memoria e vuole controllare l’hardware su cui transitano le informazioni.

Al momento, MCST ha mostrato un prototipo di server basato sulla nuova CPU con a bordo il sistema operativo Elbrus OS, una distribuzione Linux custom, e ha intenzione di produrre il nuovo chip in volumi nel tardo 2021.

Circa Gianni Alfonsi

Ciao, mi chiamo Gianni e sono un marito, un padre e un fotografo. Vivo a Roma, ma lavoro in Italia e all’estero. Amo dormire con le finestre aperte d’estate. Mi diverto a fare le buche in spiaggia, amo gli abiti vintage, ma non li indosserei mai, mi piace guardare la pioggia dietro la finestra. Il Reportage, il Teatro, e la fotografia di Matrimonio sono le mie grandi passioni. Sono affascinato dallo Story telling, dal reportage. Mi piace raccontare storie.

Vedi anche

APERTURA AMBULATORIO LONG COVID, POLO OSPEDALIERO DE SANCTIS, GENZANO DI ROMA

Ieri mattina, 12 aprile 2021, è stato inaugurato l’ambulatorio Long Covid presso il polo ospedaliero …

Lepanto Calcio, una storia lunga venti anni

Un percorso lungo iniziato quasi per gioco. La pandemia avrà anche interrotto le attività sul …

Frascati Scherma, Benedetta Baldini: “Importante il ritorno alle gare, bell’esperienza a Budapest”

La scherma internazionale è tornata in pedana. E’ accaduto a Budapest per la prova di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.