Home Attualità “Cave in Rosa”: camminata per la sensibilizzazione sul cancro al seno

“Cave in Rosa”: camminata per la sensibilizzazione sul cancro al seno

"Walk for the Cure"-passeggiata a sostegno di Komen Italia

da Alessandra Battaglia

Una giornata di grande solidarietà e sensibilizzazione ha animato le strade di Cave con l’evento speciale inserito nella “Cave in Rosa” articolata in varie iniziative: la “Walk for the cure – Passeggiata a sostegno di Komen Italia”  svoltasi domenica 8 ottobre 2023 e di cui nel nostro videoservizio parlano i protagonisti.

Oltre agli altri partecipati eventi sportivi, il clou della manifestazione ha coinciso con la camminata dedicata a tutte le donne che hanno affrontato  il tumore al seno e a tutte le persone a qualsiasi titolo toccate dalla problematica. o sensibili al tema.

La manifestazione ha visto una forte partecipazione, riunendo la comunità in un gesto di supporto e incoraggiamento per coloro che combattono  o hanno combattuto questa malattia.

 “Una bellissima iniziativa quella di oggi a Cave che ci ricorda quanto sia importante la prevenzione del tumore al seno, in modo tale da poter intercettare la malattia nelle sue prime fasi e poter offrire  alle donne dei trattamenti sempre più mirati e mini-invasivi ” –dichiara ai microfoni di Monolite Notizie il Dottor Martin Sancez, presente all’iniziativa quale professionista al servizio della causa, che sottolinea poi: “La manifestazione di oggi ci aiuta a raccogliere fondi in modo tale da arrivare con la prevenzione là dove è difficile arrivare con i metodi standard, quelli regionali, e quindi un grazie sentito a nome della Komen Italia e del suo fondatore Riccardo Masetti e a nome di tutti noi, lo staff di senologia del Gemelli”.

Secondo i dati ministeriali ufficiali, ogni anno in Italia sono 56 mila le donne che ricevono la diagnosi di tumore al seno.  Ad incidere positivamente nelle percentuali di diminuzione di mortalità sono sicuramente le diagnosi più precoci, effettuate consentendo una anticipazione sui programmi di terapia. Ad accelerare il processo di guarigione concorrono poi anche i progressi nella ricerca ma un fattore importantissimo è far sentire le persone direttamente colpite sostenute da una ampia rete di solidarietà e supporto emotivo.  Prendere consapevolezza del problema condividendone gli aspetti con altre persone, chiaramente oltre agli imprescindibili riferimenti dei professionisti del settore medico-sanitario, è un aspetto essenziale per fortificarsi ad affrontare con il giusto spirito la malattia. Agire prima, anche stimolati dalla motivazione ad effettuare controlli, come sottoporsi a screening più serrati, aiuta a scongiurare esiti negativi.

La camminata ha visto la partecipazione di persone di tutte le età, dimostrando la forza e il coraggio nel sostenere le donne che lottano contro questa malattia da parte della comunità di Cave che ha aggregato tante qualificate realtà come la Protezione Civile di Cave come della stessa Croce Rossa insieme a singoli cittadini ed ad altri gruppi associativi non solo del borgo dei monti prenestini , come il Centro Anziani di Cave, il Consiglio dei Giovani di Cave e tante altre, ma anche di territori limitrofi come, ad esempio, Genazzano.

Presente a nome  della Komen Italia, Elisa Marrazzo dichiara durante l’iniziativa: “Faccio parte dello staff  della Komen Italia e sono qui per portare i ringraziamenti del nostro Fondatore il Professor Riccardo Masetti e della Presidente la Professoresssa  Daniela Terribile e per ringraziare davvero la Città di Cave, la Pro Loco Cave, il sindaco Angelo Lupi, tutte le amministrazioni comunali che ci hanno aiutato e  ringrazio tutte le donne e le persone che oggi sono qui perchè ci hanno permesso ancora una volta di portare il messaggio dell’importanza della prevenzione. Davvero come diceva il Dottor Sancez per noi  è importantissimo poter portare il nostro messaggio perchè ci permette di sensibilizzare sul tema del tumore al seno e raccogliere fondi per i nostri progetti appunto per aiutare le donne che purtroppo si confrontano con questa malattia. Sono molto emozionata perchè è sempre emozionante partecipare a  queste iniziative e vi ringrazio di cuore perchè è davvero un contributo concreto a quello che facciamo. Con l’occasione invito tutti a partecipare alla 25esima ‘Race for the Cure’ dal 9 al 12 maggio. Vi aspettiamo tutti e la città di Cave per continuare a fare quello che stiamo facendo da venticinque anni “.

La presenza di molti esponenti dell’amministrazione comunale di Cave, che hanno effettuato la “Walk for the cure”, in primis del Sindaco Angelo Lupi e dell’Assessore alle Politiche Sociali Roberta Vecchi, attiva nel realizzare la meritoria iniziativa in collaborazione con la Susan Komen, dimostra l’impegno fattivo della città nel sostenere la causa e nell’offrire il proprio sostegno a coloro che lottano contro il cancro al seno. L’iniziativa stessa è stata possibile grazie alla sinergia stretta per l’occasione con l’organizzazione Susan Komen, un simbolo globale di impegno nella lotta contro il cancro al seno. A rappresentarla  Elisabetta D’Annibale insieme a numerosi altri  componenti della associazione “Komen Italia” che dal 2000 conduce una capillare e valida campagna di raccolta fondi per la prevenzione del cancro al seno.

Tra i numerosi esponenti istituzionali presenti anche il Vice-sindaco Massimiliano Renzi, l’Assessore alla Cultura Silvia Baroni, il Presidente del Consiglio Comunale Rossano Renzi, il Presidente della Pro Loco Emiliano De Carolis, il Comandante della Polizia Municipale Franco Moroni.

Durante l’evento, si sono tenuti momenti culturali con letture e testimonianze, che hanno permesso alle persone di condividere le proprie esperienze e di trovare conforto e speranza nel supporto reciproco.

Se le parole d’ordine durante la manifestazione sono state sensibilizzazione e stimolo alla prevenzione del cancro al seno, d’altro canto l’atmosfera gioiosa e coinvolgente ne ha bilanciato i tono creando momenti di grande sintonia. L’evento ha incluso varie iniziative in cui si sono svolti diversi tornei – Basket, Volley, Padel e Pickleball– sfide sportive volte proprio a sensibilizzare anche i più giovani sull’importantissimo argomento.

E così in due giorni, 7 ed 8 ottobre, Cave ha dato il suo contributo sul tema fondendo aspetti sportivi e culturali alla consapevolezza del valore di un impegno condiviso da tutte le persone per la lotta contro il cancro al seno.

Molto apprezzata la partecipazione alla “passeggiata in rosa” dell’Associazione “Sorrisiamo”, che appartiene alla Federazione Nazionale dei Clown Dottori di cui era presente la dottoressa CriCri ovvero Silvia Stracqualursi, Presidente della Federazione Nazionale Clown Dottori.

“Sorrisiamo” , una delle 15 associazioni che appartengono alla Federazione Nazionale Clown Dottori, ha partecipato con i suoi “dottori speciali”  tra cui, presenti per l’occasione, la dottoressa Tatà (alias Ottavia Cantuti Castelvetri),  il dottor Pepu (cioè Alessandro Fiasco), la dottoressa Ronfi (alias Pamela Celani) e il dottor Boh (cioè Ciro Barese). Il vivace gruppo di divertenti componenti di Sorrisiamo, realtà attiva con diverse iniziative benefiche di supporto allo strumento dell’allegria nell’aiutare le persone malate,  hanno saputo dare, con simpatia e tutta la bellezza delle loro stravaganti  tenute, un tocco di effervescente brio alla manifestazione, colorando di buonumore l’iniziativa.

I numerosissimi partecipanti, muniti del kit con le magliette dedicate all’iniziativa, sono partiti da (e rientrati in) piazza Nassirya, a Cave, con una splendida passeggiata a portata di tutti, sorella della celebre corsa “Race for the Cure”.

Camminando l’uno al fianco dell’altra, le persone, provenienti non solo da Cave, ma anche dall’ampio bacino circostante,  hanno avuto l’opportunità di socializzare e confrontarsi sull’importante tematica.

Tanti gli sguardi carichi di espressività che già bastavano a rappresentare tutto il mondo dietro ogni singola esperienza. Toccanti le testimonianze offerte tanto con la sola importantissima presenza, una grande conquista è già esserci e mostrarne consapevolezza,  quanto attraverso le parole proferite, non solo ai microfoni ma anche a tu per tu. Terapeutici anche i silenzi rafforzati dalla complicità di sguardi comprensivi e solidali, dalla presenza di tante persone così diverse tra loro ma accomunate dalla volontà di fare fronte comune per superare le tante e sovrapposte complessità di affrontare una malattia del genere.

Davvero significativa la condivisione delle esperienze,  una azione che dispiega effetti importanti sia sulla singola paziente sia sulla collettività, creando quel “peso” nell’opinione pubblica che contribuisce a rafforzare un approccio culturale consapevole e ominicomprensivo dei vari aspetti della malattia.

Tanti i momenti di inno alla vita condivisi a ritmo di musica attraverso il ballo di gruppo in una piazza Nassiriya piena di bella energia e socialità.

L’iniziativa “Cave in Rosa” ha dimostrato che la lotta contro il cancro al seno va oltre la sfera individuale, creando una rete di sostegno e solidarietà che coinvolge non solo le pazienti, ma anche le loro famiglie, amici e colleghi. La malattia non colpisce solo il corpo, ma anche l’anima, e la comunità di Cave ha dimostrato di essere pronta ad affrontare questa battaglia insieme, con amore, empatia e comprensione.

L’iniziativa, patrocinata dal Comune di Cave e dalla Pro Loco, e organizzata da Komen Italia, ha sottolineato l’importanza di una rete di supporto emotivo e sanitario per le persone colpite dal cancro al seno, offrendo speranza e conforto a coloro che combattono questa battaglia.

Momenti toccanti nei passaggi in cui i partecipanti hanno ricordato le persone che hanno combattuto o stanno combattendo contro il cancro al seno.

Riflessioni che dimostrano quanto manifestazioni come “Cave in Rosa” siano importanti, perchè insieme è possibile superare ogni difficoltà e timore, creando un ambiente di comprensione e solidarietà che illumina il cammino di coloro che affrontano questa sfida in prima persona o come supporto a chi ne è colpito.

Alessandra Battaglia

 

 

 

 

 

Ti potrebbe interessare anche:

Lascia un Commento