lunedì , 26 Settembre 2022

Passioni in concerto per raccontare la storia della musica a Morolo

Cosa succede quando una personalità originale e spiccatamente artistica incontra un’opportunità? Qualcosa di unico. Succede nella zona industriale di Morolo, stragegico punto di controllo dell’area della ciociaria come ex feudo dei Colonna, qui, nascosto dietro il noto caseificio Scarchilli, Adriano Romano ha trovato il modo di far convergere le passioni che condivide con tanti appassionati per far scaturire diversi eventi interessanti. Musica, fantascienza, motori si fondono creando uno scenario surreale in cui ognuno trova il proprio modo di esprimetsi. Arrivando dietro il caseificio si scopre così ad accogliere il visitatore la visione fantascientifica della copia dell’astronave Aquila 11, star della celeberrima serie TV ‘Spazio 1999’. Dietro questo reperto c’è un bellissimo F104 G37-02 ex Capitano Cavalli, un tempo di stanza Aeroporto Trapani Birgi, oggi messo gentilmente a disposizione dalla ditta Bentivoglio S. r. L. per impressionare i visitatori.

Ma le sorprese non finiscono qui perché questo è il preludio allo scrigno di tesori contenuti nel capannone industriale che Adriano ha ridisegnato a MUPAS, acronimo di Museo Passioni Artistiche Sportive. Un grande spazio dedicato a due uomini che, per quanto diversi e distanti tra loro, sono accomunati dalla fiamma ardente di una passione che li conduce alle massime vette: il primo nella storia della musica e il secondo nelle adrenaliniche corse in pista che hanno scritto pagine di gloria. Il primo è il Maestro Giancarlo Colombini, irreplicabile maestro della Scala di Milano, nonché talentuoso compositore e collaboratore di Toscanini negli anni ’50, un esponente di spicco della musica tonale del 900. Il secondo è Paolo Talice, uomo eclettico che diventa il perno del Team Marc della Formula 1 negli anni 70 plasmando il mondo delle leggendarie corse automobilistiche e dei piloti entrati nel mito, per poi lasciare la scena ‘solo’ per girare il mondo in barca a vela. A queste “due personalità eccezionali che hanno in comune il fuoco sacro della passione”-come dice Adriano Romano-è dedicato il MUPAS.
Qui, ogni lunedì pomeriggio, Adriano mette da parte la bicicletta, altra sua incontenibile passione, per costruire le sue ‘mattane’ assemblando materiali vari per ricostruire sogni tratti da film o da piste da corsa. E non mancano nuovi proseliti che vanno a fargli visita per curiosare e partecipare a questo originale mix di interessi.

Sabato scorso, il 13 agosto 2022, proprio all’insegna della voglia di condividere passioni, si è svolto l’evento che raccontiamo, pieno di spunti originali ma anche di mite ospitalità. In questo contesto, avvalendosi come proscenio della parte centrale del l’astronave che diventa MTS, ovvero il Morolo Teatro Spazio, si è svolta ‘la conferenza esegetica musicale intitolata’ : “Il cammino dell’uomo attraverso i secoli con la musica”, che ha ripercorso la storia della musica dagli albori ai nostri giorni per esprimere il potere inclusivo della musica.

Per articolare il lunghissimo percorso, ai brani musicali -tra gli applausi del pubblico- si sono alternate pagine storiche di civiltà cruciali, racconti epici, aneddoti personali, interpretazioni teatrali e testimonianze qualificate.

L’inizio ha coinciso con gli albori della musica greca, citando l’epitaffio di Sicilo che diede la preziosa opportunità di tradurre tutti i segni indicativi, primo embrionale scarno del linguaggio musicale, incipit di tutta la musica occidentale, per arrivare, un paio d’ore dopo, all’attualità.

Ad impreziosire l’evento ci sono due personalità di spicco: il prof. Walter Colombini, figlio del citato Maestro, ex primario chirurgo del Santo Spirito con un’accesa passione per il Melodramma, ed il Maestro Roberto Canuli.

Ad interpretare uno strarcio dell’Antigone di Sofocle per condurre il pubblico nella giusta atmosfera greca sono state le signore Giovanna Meloni (nel ruolo di Antigone) e Stefania Marini (Ismene).

Altri professionisti ospiti del parterre sono stati: lo strumentista Carmelo Triscari, prima tuba della banda dell’esercito italiano, tra i più accreditati sottoufficiali dell’esercito italiano, ed infine i due clarinettisti ventenni Emanuele Pinci e Chiara Tagliacozzo.

Una nota brillante quella del musicista Giuseppe Ilardi, detto ‘Peppe La’, che con la chitarra ha allietato con verve i presenti eseguendo brani di musica rock dal sapore più attuale.

Nel videoservizio che MONOLITE ha realizzato un invito a visitare, sempre di lunedì, questo luogo di Morolo (via Morolense 61 D), un posto dove arte, stile e un pizzico di follia creativa vi stupiranno in un modo che non potete immaginare tra una incredibile collezione di bolidi senza tempo e perfettamente funzionanti e un’accoglienza che volge all’inclusione.

Circa redazione

Il Giornale dei Castelli Romani e Monti Prenestini. Notizie, inchieste, approfondimenti, aggiornamenti in tempo reale, interviste e dirette.

Vedi anche

A TIVOLI “ROCCAFEST” Giornata multidisciplinare per i giovani Maratona letteraria, laboratori, spettacoli

Presso la Rocca Pia di Tivoli nell’ambito di “Settembre Tiburtino” La Rocca Pia di Tivoli domenica …

Approda a Roma, lungo le rive del Tevere, l’1 e il 2 ottobre RUMORI DI PASSI SUL CON-FINE D’ACQUA, un’esperienza poetica, itinerante

RUMORI DI PASSI SUL CON-FINE D’ACQUA, un’esperienza poetica, itinerante,  di e con  Patrizia Menichelli. Una …

la giuria del Festival Internazionale del Documentario di Roma presieduta da Bill Morrison

Grande attesa a Roma per il Festival Internazionale del Documentario! I direttori artistici della manifestazione, Christian Carmosino …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.