Home Castelli Romani Trionfo di Mogol e Gianmarco Carroccia nella cornice di “C’era una volta a Colonna”

Trionfo di Mogol e Gianmarco Carroccia nella cornice di “C’era una volta a Colonna”

Adesso con "Spasso Divino" due giorni di delizie enogastronomiche

da Alessandra Battaglia

Mentre tutto è pronto per “Spasso Divino” che si terrà a Colonna da domani, sabato 30 settembre fino a  domenica 1°ottobre, Monolite vi offre il racconto completo di tutte le diverse iniziative svoltesi per “C’era una volta a Colonna”, tenutasi lo scorso week end tra gara podistica, feste di eccellenze enogastronomiche, intrattenimento e ospiti musicali memorabili.

Sul palco di Piazza Vittorio Emanuele II si sono esibiti in uno spettacolo dai profili teatrali fortemente suggestivi il paroliere per eccellenza, Mogol, assieme all’interprete Gianmarco Carroccia. Lo show che ha letteralmente incantato la piazza colonnese gremita e festosa ha regalato tutta una sterminata gamma di “tu chiamale se vuoi…Emozioni” per dirla sfidando i VideoLettori di Monolite Notizie a resistere dall’intonare il famoso brano che ha resto una star Lucio Battisti.

Il repertorio eseguito, frutto del fortunato e longevo legame tra Mogol e Battisti, ha offerto al pubblico accorso a Colonna il prezioso pregio di alternare alle canzoni il racconto diretto di Giulio Rapetti, in arte Mogol, delle autentiche esperienze di vita personale che si celano dietro quelle canzoni. Il senso profondo dei brani, ascoltando le cui melodie Mogol scriveva in parole ciò che le musiche gli evocavano, si sono dischiusi in una confessione densa di confidenze tra platea gremita e artisti. Dopo il successo della CorriColonna, di cui qui Monolite ha realizzato un estratto, complessivamente la festa è stata davvero piacevole ed articolata, oltre che in momenti di intrattenimento con giochi e attività per tutte le età, anche tra squisite degustazioni di prodotti tipici, confluiti in un menù a cura della Pro Loco, e giro tra gli espositori presenti nella zona della Piazza Vittorio Emanuele II.

Adesso si riparte con sprint per “Spasso Divino” a Colonna. Saranno due giorni dedicati alla bevanda che sempre figura sulle tavole italiane.

L’iniziativa offre due possibilità alternative o sovrapponibili l’una dopo l’altra: seguire il tour nelle cantine e/o apprezzare la festa in Piazza Vittori Emanuele II.

Grande novità di quest’anno è che gli stand gastronomici saranno anche in centro città dunque la degustazione farà il bis: nelle cantine e in piazza. “Più cantine, più assaggi, più stand gastronomici, aperti a pranzo e cena che prepareranno i piatti tipici della tradizione dei Castelli Romani , a cusa di Slow Food Frascati e Terre Tuscolane e Pro Loco di Colonna”– annuncia il Sindaco Fausto Giuliani.

Non mancherà l’intrattenimento anche musicale con gli “ES DEUS”, duo acustico, e di esilarante cabaret “REDIVINO”- Storie di vino ed ebbrezza- (si riportano in coda le varie locandine).

Il tour permette la scoperta delle cantine vinicole per conoscere direttamente nel tour le varie aziende locali ed apprezzarne le peculiarità. Una serie di itinerari, diversi a seconda che si scelga sabato 30 o domenica 1° ottobre, per fare una passeggiata sensoriale nella meravigliosa campagna di Colonna, tra filari e botti, in luoghi che custodiscono i segreti della coltivazione e lavorazione che permette alle uve di trasformarsi in una delle bevande più longeve ed apprezzate: il vino. Se l’idea di entrare di persona nei vari templi del vino vi stuzzica, allora domani e dopodomani il borgo più piccino dei Castelli Romani vi accoglie alle porte di Roma: è la vostra destinazione perfetta, anzi “spassosamente di-vina”. Prenotando il tour potrete entrare direttamente nelle cantine che oggi portano alta la tradizione del vino tra approcci diversi e scelte personali, tra efficienza e gusto non solo nei sapori ma anche nell’estetica. Si spalancheranno le cantine che offrono una collezione di realtà legate al territorio colonnese per presentare a tutti i visitatori i vini scaturiti da una sintesi che sa coniugare territorio ed esigenze degli estimatori di vino del terzo millennio.

Una dimensione che premia quell’approccio diretto più orientato ad assaporare le giornate di sole per ritagliarsi un’esperienza più esclusiva dedicata alla passione per un buon bicchiere della bevanda prescelta tra le tante.

Foto di Alessandro Panfoli.

Alessandra Battaglia

Ti potrebbe interessare anche:

Lascia un Commento