sabato , 25 Settembre 2021

Elbrus-16C, la CPU russa con 16 core e 12 miliardi di transistor

Il mondo dell’hardware è storicamente a trazione statunitense, ma negli ultimi anni abbiamo visto come la Cina stia cercando di smarcarsi dall’egemonia a stelle e strisce per controllare il proprio comparto tecnologico, ormai sempre più espressione di potenza e soprattutto di vitale importanza per evitare che le informazioni (spesso sensibili) finiscano in mani nemiche.

Anche nella Russia guidata dal padre-padrone Vladimir Putin c’è questo desiderio di puntare maggiormente su prodotti “realizzati in casa”, quindi non fatichiamo a credere che il presidente della Federazione Russa vedrà di buon occhio Elbrus-16C, un microprocessore messo a punto dalla realtà locale MCST. L’azienda ha mostrato nelle scorse ore il primo engineering sample della nuova CPU, basata sulla sesta generazione dell’architettura proprietaria VLIW e prodotta con processo a 16 nanometri.

Si tratta di un chip composto da 12 miliardi di transistor, pensato sia per desktop e server, con supporto alla virtualizzazione in hardware ed equipaggiato – come fa intendere il nome – con 16 core. Il chip opera a 2 GHz, integra un controller DDR4-3200 a otto canali e offre 32 linee PCIe 3.0, quattro porte SATA, nonché interfacce di rete 2,5 GbE e 10 GbE. La CPU può indirizzare fino a 4 TB di memoria DDR4 e ha un TDP di 110W.

In termini prestazionali si parla di 1,5 TFLOPs con calcoli FP32 e 0,75 TFLOPs con calcoli a doppia precisione FP64, ma l’aspetto forse più interessante di MCST Elbrus-16C è che supporta configurazioni fino a quattro CPU e 16 TB di memoria DRAM, quantitativo che potrebbe risultare utile nel comparto server ma anche a qualche agenzia governativa russa che necessita di molta memoria e vuole controllare l’hardware su cui transitano le informazioni.

Al momento, MCST ha mostrato un prototipo di server basato sulla nuova CPU con a bordo il sistema operativo Elbrus OS, una distribuzione Linux custom, e ha intenzione di produrre il nuovo chip in volumi nel tardo 2021.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •   

Circa Gianni Alfonsi

Ciao, mi chiamo Gianni e sono un marito, un padre e un fotografo. Vivo a Roma, ma lavoro in Italia e all’estero. Amo dormire con le finestre aperte d’estate. Mi diverto a fare le buche in spiaggia, amo gli abiti vintage, ma non li indosserei mai, mi piace guardare la pioggia dietro la finestra. Il Reportage, il Teatro, e la fotografia di Matrimonio sono le mie grandi passioni. Sono affascinato dallo Story telling, dal reportage. Mi piace raccontare storie.

Vedi anche

Volley Club Frascati, bell’esordio dell’Under 13 femminile. De Gregorio: “Oltre le previsioni”

Era un anno che non potevano “sfogarsi” sul campo per una partita ufficiale. Ma l’Under …

Football Club Frascati, in “zona rossa” ripartono videolezioni e video “didattici” per gli esercizi

La decisione di “colorare di rosso” la regione Lazio (per almeno due settimane) è stato …

Covid-19: L’ASL RM6 punta al rafforzamento servizio psicoanalisi online

La pandemia infetta non solo il corpo ma anche la mente: la paura del contagio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *