giovedì , 26 Maggio 2022

FARONI, GRUPPO INI: “NOI TRA I PRIMI A SOTTOSCRIVERE RINNOVO CONTRATTO MEDICI. NO A MEDICI DI SERIE A E DI SERIE B”

FARONI, GRUPPO INI: “NELLA SANITA’ NON POSSONO ESISTERE MEDICI DI SERIE A E DI SERIE B. TRA I PRIMI A SOTTOSCRIVERE IL RINNOVO DEL CONTRATTO DEI MEDICI, UN IMPEGNO DOVEROSO E LUNGIMIRANTE PER LA SANITA’ PRIVATA”

Il Direttore Generale del Gruppo INI, Cristopher Faroni, ribadisce l’importanza dell’impegno firmato lo scorso anno: “Un anno fa abbiamo intrapreso un percorso virtuoso e innovativo. Il medico è una figura sempre più centrale nelle nostre organizzazioni ed è necessario valorizzarne adeguatamente la professionalità”

Roma 20 aprile 2022 – Nei giorni in cui le posizioni tra le organizzazioni sindacali dei medici e i rappresentanti nazionali delle strutture private si fanno più distanti, accendendo il dibattito, Cristopher Faroni, Direttore Generale del Gruppo INI, fondato 75 anni fa dal Prof. Delfo Galileo Faroni, esprime la propria posizione sulla questione, raccontando l’esperienza del proprio gruppo.

“Abbiamo sottoscritto quasi un anno fa – dice Faroni – in tempi non sospetti, l’accordo per il rinnovo del contratto dei medici. Siamo convinti, oggi come allora, di aver intrapreso un percorso virtuoso, innovativo e nuovo rispetto al passato. Non possiamo scordarci oggi di quanto abbiamo attraversato negli ultimi due anni: una pandemia devastante, sotto tanti punti di vista, nella quale i medici hanno avuto un ruolo fondamentale, con tutti i rischi del caso, per mantenere attivi reparti e servizi. Questo ci ha fatto capire quanto i medici siano sempre più centrali nelle nostre organizzazioni e che è necessario, oltre che etico, valorizzarne adeguatamente la professionalità. Non esistono medici di serie A e di serie B”.

“A quasi un anno da quell’accordo – prosegue Faroni – non possiamo che confermare la validità del percorso intrapreso, pur rispettando le scelte di altri, nonostante i problemi e le congiunture che stiamo affrontando tutti: la lunga pandemia prima e ora le conseguenze della guerra in Ucraina con lievitazione dei costi energetici, lo stallo sull’adeguamento dei tariffari regionali delle prestazioni sanitarie”.

“Siamo convinti di questa scelta, apprezzata dai nostri professionisti – conclude Faroni – e speriamo che altri operatori ci seguano in questo percorso. Una soluzione rapida di questa situazione è auspicabile, sia per gli operatori della sanità ma soprattutto per i pazienti, che rischiano ulteriori disagi”.

Il Gruppo INI da oltre 70 anni è punto di riferimento per la sanità privata ed accreditata SSN. Il Gruppo è articolato in 10 strutture ed è presente nel Lazio ed in Abruzzo con 1.200 posti letto e quasi 2000 collaboratori. Le divisioni sono abilitate al ricovero per acuzie, dall’oncologia, all’ortopedia, alla riabilitazione, alle RSA, offrendo un’assistenza a 360 gradi al paziente. Il Gruppo INI è stato il primo nel Lazio a utilizzare il litotritore per la calcolosi renale, il secondo in Italia a utilizzare la risonanza magnetica nucleare ed è tra i più importanti centri di oncologia del Lazio.

Circa redazione

Il Giornale dei Castelli Romani e Monti Prenestini. Notizie, inchieste, approfondimenti, aggiornamenti in tempo reale, interviste e dirette.

Vedi anche

“Aprile blu” all’Ospedale dei Castelli: “Una luce speciale” sull’autismo

“Aprile blu” all’Ospedale dei Castelli: “Una luce speciale” sull’autismo alla presenza dell’Assessore alla sanità e …

Monte Compatri, torna la Fiera di San Giuseppe all’insegna dell’enogastronomia

Tutto pronto a Monte Compatri per la Fiera di San Giuseppe, giunta quest’anno alla novantacinquesima …

Al teatro Le Fontanacce di Rocca Priora “DA QUALI STELLE SIAMO CADUTI” il 23 e 24 APRILE

Sabato 23 aprile ore 21.00 e domenica 24 aprile ore 17.30, sul palco del Teatro …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *